This website uses cookies and similar technologies. We use analytical cookies to offer visitors to the website the best possible user experience. By continuing to use centropecci.it, you agree to the placement of cookies on your device.

OK

Filippo Polenchi

Polenchi

Fiorentino, è autore ed editore. Collabora con numerose riviste cartacee e on-line: Alfabeta2L'indice dei libri del meseLe parole e le coseDoppiozeroIl lavoro culturale, Il mucchioLa balena bianca, dal 2014 cura il blog Coselli della casa editrice Barta edizioni.





June 29, 2017

Il 2016 ha riscattato dall’oblio letterario due opere che – seppur con differenti gradi di invisibilità – hanno trovato soltanto oggi un approdo editoriale. Due romanzi nei quali le fosche luci di un pantano ungherese o l’abbacinante chiarore di una steppa innevata evocano spettri danzanti, performance di ombre in un teatro cinese. I due romanzi in questione sono l’ungherese Satantango di László Krasznahorkai (pubblicato in patria nel 1985 la prima volta e qui per Bompiani) e Terminus radioso di Antoine Volodine (uscito “soltanto” nel 2014 in Francia e in Italia per 66thand2nd).