OK

Protext!

Quando il tessuto si fa manifesto

EXHIBITIONS



Autunno 2020

 

a cura di Camilla Mozzato e Marta Papini 

share



informations

Si dice che la prima azione di sabotaggio nei confronti di una macchina tessile da parte di un operaio avvenne nel 1779, alla vigilia della rivoluzione industriale. La storia è nota: Ned Ludd si accanì contro il telaio su cui stava lavorando, rendendo impossibile la produzione. Un gesto di protesta contro lo sfruttamento del lavoro 

che diede vita a un massiccio movimento di resistenza e coinvolse centinaia di persone in azioni di sabotaggio dei telai meccanici nell’Inghilterra del primo ottocento. Attraverso la più recente generazione di artisti, Protext! prende in considerazione il tessuto e le sue diverse declinazioni formali come pratica artistica trasgressiva, e ne esplora il ruolo in prima linea nei dibattiti critici su autorialità, identità queer e appartenenza, sulle modalità di produzione e il cambiamento ambientale, e come resistenza all’ordine  costituito. 

 

 

Quando

dal 4 aprile al 30 agosto 2020

 

Foto di copertina: 

Marinella Senatore, Protest Forms_ Memory and Celebration, 2019, velvet banners.jpg




Where
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, 59100 Prato PO, Italia




share