Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Pascal Gielen

Gielen

Pascal Gielen è direttore del centro di ricerca Arts in Society presso l’università di Groningen dove ricopre anche il ruolo di professore associato di sociologia dell’arte. È editore caporedattore della serie di libri Arts in Society (Fontys School di Fine and Performing Arts, Università di Tilburg & Groningen). Ha scritto una serie di libri di arte contemporanea, sul patrimonio culturale e sulla cultura politica come, ad esempio: Being an Artist in Post Fordist Times (NAi, 2009), The Murmuring of the Artistic Multitude. Global Art, Memory and Post-Fordism (Valiz, 2009, 2010 e 2015), Teaching Art in the Neoliberal Realm. Realism versus Cynicism (Valiz, 2013), Creativity and other Fundamentalisms (Mondriaan, 2013), Institutional Attitudes. Instituting Art in a Flat World (Valiz, 2013), The Ethics of Art (Valiz, 2014) e Aesthetic Justice (Valiz, 2014). La ricerca di Gielen si concentra sulle politiche culturali e sui contesti istituzionali dell’arte. I suoi libri sono tradotti in inglese, koreano, russo, spagnolo e turco.





22 giugno 2016

Da sinonimo di provocazione, critica e sovversione a fenomeno sociale di massa. Qual è il futuro dell'arte in una società in cui tutti (o quasi) si sentono in dovere di essere creativi? Ne abbiamo parlato con il sociologo Pascal Gielen, che ci ha proposto una strategia di resistenza piuttosto particolare.