Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Isabella Fabbri | Ritual of Naught | Francesco Pellegrino

Sounds at an Exhibition | live set | Rituale

CONCERTO



15 settembre 2017 h 21:30

concerto di Isabella Fabbri | Ritual of Naught | Francesco Pellegrino

condividi



informazioni

Isabella Fabbri

Sounds at an Exhibition

 

“Che suono hanno le opere d’arte? È possibile ascoltarle e dialogare con esse?”. Queste le domande alla base di Sounds at an Exhibition, progetto della sassofonista Isabella Fabbri che unisce arte visiva, musica e performance. Concepito per musei e mostre di arte contemporanea, Sounds at an Exhibition consiste in una performance interattiva ed itinerante che stimola il pubblico ad ascoltare il ‘suono interiore’ delle opere d’arte di un percorso espositivo, traducendole in musica.

 


Ritual of Naught

live set

 

Ritual of Naught è nato nell'autunno del 2017, dall'incontro di due musicisti che condividono l'interesse nella sperimentazione e la ricerca delle possibilità creative, sonore ed espressive. Il duo è fondato sulla presenza dell'elemento elettronico che si manifesta in diversi strumenti (pedali, no input set, live electronics) e la presenza della voce, elemento melodico.

Le composizioni sono svolte attraverso l'improvvisazione e la creazione di segnali grafici che consentono lo sviluppo delle idee tematiche, la loro evoluzione e la disgregazione delle stesse.

 


Francesco Pellegrino

Rituale

 

Rituale è un concerto per vari piccoli strumenti e live electronics, diviso in tre brani separati.

Le composizioni si basano su un software creato dall'autore che permette di registrare dei suoni in tempo reale e attraverso questi campioni di creare degli ambienti sonori immersivi, gestibili attraverso algoritmi probabilistici; questa caratteristica conferisce ai brani una sorta di naturalezza compositiva, un muoversi dei suoni come materiale organico, vivo.

Nelle composizioni il suono si divide chiaramente in due piani: il suono acustico – reale ed il suono virtuale. 

Il risultato è una performance dove la presenza umana e il suono “suonato” creano un livello altro, più complesso e immersivo, un invito alla contemplazione.




Dove
Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


Quando

venerdì 15 settembre, ore 21.30

 

Ingresso gratuito



condividi