Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito
#finedelmondo

NEW GESTURE #1

Giovani coreografi per La fine del mondo

PERFORMANCE



18 febbraio 2017 h 17:30

Con la partecipazione di Jacopo Jenna & Moallaseconda, Gruppo M.U.D. - Motore di urgenze dinamiche

condividi



informazioni

Il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci presenta Stash di Jacopo Jenna e Moallaseconda e Per (n) di Gruppo M.U.D.-Motore di urgenze dinamiche, due performance site-specific in dialogo con i temi della mostra La fine del mondo.

 

Stash

un progetto site specific di Jacopo Jenna & Moallaseconda

coreografia e performance Jacopo Jenna

visual e suono Jacopo Buono (Mollaseconda)

produzione spazioK / Kinkaleri

 

“Quando la giusta tensione e armonia dell'anima era andata perduta, si doveva ballare”.

da La gaia scienza, Nietzsche

 

Stash si presenta come un primo spazio di incontro tra l’artista visivo Mollaseconda, al secolo Jacopo Buono, e il performer/coreografo Jacopo Jenna. Stash è un magazzino danzato dove l’abbondanza di segni e riferimenti sfuma i confini tra noi e il mondo. Stash invita ad un immersione in un oceano ipnotico di azioni e suoni per determinare movimenti nascosti fuori e dentro il corpo. Stash getta una strana luce sulla natura ibrida delle cose, sulla relazione tra organico, materialità e forze impalpabili.

 

Jacopo Jenna è un coreografo, performer e filmaker che crea lavori per la scena, il video e per installazioni. La sua ricerca indaga la percezione della danza o la coreografia come pratica estesa. Laureato in Sociologia si approccia alla danza in età adulta formandosi presso Codarts (Rotterdam Dance Academy). Ha collaborato in Europa con compagnie stabili e progetti di ricerca coreografica. Il suo lavoro è prodotto e supportato da spazioK/Kinkaleri, negli ultimi anni ha presentato i suoi progetti presso Centrale Fies (finalista di LiveWorks Vol. 4 Performance Act Award), Cango /Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza, Martmuseo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Contemporanea Festival, Pépinières européennes pour jeunes artistes/Jeune Création-Vidéo Cinéma (2014), Fabbrica Europa, LeMurate Progetti Arte Centro di Contemporanea, CROSS International performance award (2015).

www.jacopoj.it

 

Jacopo Buono o Moallaseconda ha studiato Grafica all'Accademia di Belle Arti di Firenze, sviluppando sia il disegno che l’incisione: ancora oggi produce lavori monotipo su carta con una personalissima idea di stampa basata sull’uso della materia come matrice. La strada e la città sono i suoi supporti prediletti dove da molti anni esegue opere murali. La sua ricerca artistica ha conquistato plasticamente lo spazio pubblico utilizzando le ricchezze formali offerte dalla strada, come il riutilizzo e la trasformazione di rifiuti urbani. La sua pratica sottolinea il senso effimero e transitorio delle creazioni artificiali destinate all’uso commerciale. Le sue installazioni, spesso catturate da foto e video, diventano summa poetica dei suoi grafismi, tracciati non più sulla parete o sulla carta ma determinando uno spazio fisico, assumendo l'immagine di texture tridimensionali e personalizzando l’ambiente in un vero e proprio habitat.

moallaseconda.tumblr.com

 

 

Per (n)

un progetto site specific di Gruppo M.U.D. Motore di urgenze dinamiche

coreografia e performance Martina Belloni, Maria Vittoria Feltre, Susannah Iheme, Francesca Valeri

musica Alberto Maria Gatti

video Edoardo Berti

 

Siamo figli di un’eredità trascorsa e testimoni di un disegno universale, sordi osservatori della mobilità del divenire. Dinanzi all’incerto, alla scelta, alle possibilità la risposta dell’uomo è il silenzio e l’abbandono all’inevitabile legge della natura.

Ananke.

Spazio ignoto e materia ancestrale. Un filo che conduce, che rivela e determina un destino comune.

Fato ineluttabile.

Tre donne, tre entità, madri di tutte le creature, generatrici di tutto ciò che è stato, che è e che sarà.

 

Gruppo M.U.D. - Motore d’Urgenze Dinamiche, nasce nel 2015 a partire dalla volontà di un gruppo di giovani artisti che hanno intrapreso il percorso formativo "Il mestiere dell'arte" ed. 2015 realizzato dal Centro di Creazione e Cultura, nell'ambito del progetto Routes to Employment, Routes&Roots. A partire dalla sua costituzione, il collettivo ha individuato alcune aree di interesse prioritarie per lo sviluppo della propria ricerca artistica interdisciplinare, sottoponendosi delle domande intorno al ruolo che un giovane artista può assumere nella società attuale, sulla finalità del processo e del prodotto artistico in una società in continuo movimento, nella quale la variabile della mobilità diventa la chiave di lettura per ripensare i rapporti interpersonali.

Il collettivo Gruppo M.U.D. ha partecipato all’Estate Fiorentina 2016 con il progetto #I-pple#Aphone realizzato presso l’Ex-Fabbri di Firenze ed è stato ospite al Festival Chiostro delle geometrie organizzato dalla Compagnia Krypton nel Chiostro di Santa Verdiana della Facoltà di Architettura di Firenze. Ha inoltre recentemente iniziato una collaborazione con il musicista Gianfranco De Franco e il regista Massimo Bevilacqua realizzando il concerto visuale Imago presentato all’interno di Intercity Festival presso il Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. 

Nel novembre 2016 ha presentato un’anteprima della prima produzione  Small talk nell’ambito di Zoom Festival, presso il Teatro Studio Mila Pieralli. Small talk è stato selezionato per il progetto (In)Generazione a cura di Fondazione Fabbrica Europa.




#finedelmondo
di Sam Shepherd / Floating Points | 3 marzo 2017

di Andrey Kuzkin | 30 gennaio 2017

di Roly Porter | 9 gennaio 2017

di Noam Chomsky | 30 novembre 2016

di Agrupación Señor Serrano | 21 ottobre 2016

di Luis Sepúlveda | 12 ottobre 2016

di Paolo Tozzi | 19 settembre 2016

di Joanna Demers | 6 settembre 2016

di Daniele Pugliese | 25 agosto 2016

di Damiano Marchi | 12 agosto 2016

di Fabio Martini | 5 agosto 2016

di Emio Greco e Pieter C. Scholten | 12 luglio 2016

di Matteo Cerri | 30 giugno 2016

di Pascal Gielen | 22 giugno 2016

di Gian Marco Montesano | 17 giugno 2016

di Carlos Garaicoa | 10 giugno 2016

di Paco Ignacio Taibo II | 3 giugno 2016

di Piergiorgio Odifreddi | 19 maggio 2016

di Qiu Zhijie | 11 maggio 2016

di Włodek Goldkorn | 29 aprile 2016

di Redazione | 28 aprile 2016

di Stefano Catucci | 15 aprile 2016

di Julian Charrière | 11 aprile 2016

di Fabio Beltram | 24 marzo 2016

di Fabio Cavallucci | 11 marzo 2016

mostre
16 ottobre 2016—19 marzo 2017

A cura di Fabio Cavallucci

mostre
13 ottobre—11 dicembre 2016

Geografie dell'arte emergente in Toscana

concerto
18 marzo 2017 h 21:00
Performance
17 marzo 2017 h 22:00
Performance
12 marzo 2017 h 17:30
Laboratori
12 marzo 2017 h 11:00
concerto
9 marzo 2017 h 21:00
Visite guidate
8 marzo 2017 h 21:00
Performance
28 febbraio 2017 h 16:30—18:30
Visite guidate
23 febbraio 2017 h 21:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
21 febbraio 2017 h 18:00
Performance
11 febbraio 2017 h 17:30
concerto
10 febbraio 2017 h 21:00
Visite guidate
8 febbraio 2017 h 17:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
7 febbraio 2017 h 18:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
31 gennaio 2017 h 18:00
Talk
24 gennaio 2017 h 18:30
Performance
22 gennaio 2017 h 17:30
Visite guidate
18 dicembre 2016 h 17:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
13 dicembre 2016 h 18:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
6 dicembre 2016 h 18:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
29 novembre 2016 h 18:00
Eventi
12 novembre 2016— 8 gennaio 2017
Talk
3 novembre 2016 h 18:00
Talk / INCONTRI ALLA FINE DEL MONDO
27 ottobre 2016 h 18:00
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
18 ottobre 2016 h 18:00
Talk
16 ottobre 2016 h 18:00
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
8 ottobre 2016 h 11:00
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
7 ottobre 2016 h 18:00
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
29 settembre 2016 h 17:30
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
24 settembre 2016 h 11:00
Eventi / PROLOGO A LA FINE DEL MONDO
16 settembre 2016 h 18:00
Dove
Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


Ingresso

10 euro (biglietto mostra + evento)

ridotto 7 euro

 

Informazioni

info@centropecci.it



condividi