Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Novecento - versione restaurata

FILM



18 aprile— 3 maggio 2018

di Bernardo Bertolucci;  (Ita, 1976; Atto I 162', Atto II 154'; versione restaurata 4K)

condividi



informazioni

 

Le vite parallele e intrecciate di tre generazioni di una famiglia emiliana impegnate nelle lotte politiche ed esistenziali che hanno contraddistinto un secolo di storia italiana. Un grandioso affresco storico e melodrammatico con un cast irripetibile: Robert De Niro, Gérard Depardieu, Dominique Sanda, Burt Lancaster.

 

In un paese della Bassa Emiliana nascono, agli albori del '900, Alfredo Berlinghieri e Olmo Dalcò: il primo, futuro erede dei beni terrieri di famiglia, nonostante i privilegi di casta si attacca al secondo, figlio di una contadina e di padre ignoto. L'amicizia dura, nonostante le vicende familiari e sociali di mezzo secolo traccino un solco sempre più profondo fra padroni e braccianti. Olmo si unisce alla maestrina Anita, fervente politicante rossa che muore dando alla luce una figlia e fugge dal paese dopo gesti di opposizione alle squadracce fasciste che lo porterebbero certamente alla morte o all'ergastolo.

 

Alfredo, dopo il suicidio del nonno e la morte del padre, diviene padrone; sposa Ada, dolce e stravagante, che lo abbandona quando s'avvede che il marito è inesorabilmente divenuto un classico padrone-tiranno. Ma la colpa maggiore del Berlinghieri è stata quella di non avere allontanato a tempo il fattore ingaggiato dal padre, certo Attila, fascista e cinico arrivista, tra l'altro amante di Regina, cugina di Alfredo. Nel '45, in coincidenza con la Liberazione, Olmo ritorna e guida i contadini nella rivolta contro la famiglia dell'amico: Attila viene ucciso; Regina rapata; Alfredo condannato simbolicamente a morte. Quando giungono i rappresentanti del C.N.L. i contadini consegnano le armi. Alfredo e Olmo invecchieranno bisticciando amichevolmente.

 

Due atti: il primo va dal 1900 all'avvento del fascismo, il secondo si conclude con la Liberazione. Oltre al sontuoso ed eterogeneo cast, protagonista è il paesaggio della campagna parmense, esaltato dalla fotografia di Vittorio Storaro.

 

Quando 

mercoledì 18 aprile ore 18.00 Atto 1 e ore 21.00 Atto 2 (4,50 € a spettacolo) 
mercoledì 25 aprile ore 20.30 Atto 1
giovedì 3 maggio ore 20.30 Atto 2
 

Ingresso
Intero € 6
Ridotto € 4,50 

mercoledì 18 aprile  4,50 € a spettacolo 

 

 




Dove
Cinema - Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato 


Quando 

mercoledì 18 aprile ore 18.00 Atto 1 e ore 21.00 Atto 2 (4,50 € a spettacolo) 
mercoledì 25 aprile ore 20.30 Atto 1
giovedì 3 maggio ore 20.30 Atto 2
 

Ingresso
Intero € 6
Ridotto € 4,50 

mercoledì 18 aprile  4,50 € a spettacolo 

 



condividi