Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Portrait of Jason

Repliche 2 e 3 giugno

FILM / SHIRLEY CLARKE: PORTRAIT OF ANOTHER CINEMA



2— 3 giugno 2018

di Shirley Clarke (1967, 105 min | b / n )

condividi



informazioni

Nella notte del 2 dicembre 1966 Shirley Clarke si riunì con una piccola troupe nel suo appartamento all'ultimo piano del celebre Chelsea Hotel per girare Portrait of Jason, “il film più straordinario che abbia visto in vita mia”, come dichiarò il regista Ingmar Bergman. Per due ore Jason Holliday, aspirante attore di cabaret gay nero, si confessa davanti alla macchina da presa ricordando l’educazione famigliare a Trenton, la vita di eroinomane, barista in un nightclub, prostituto e infine domestico in una casa di San Francisco, i trascorsi in carcere e negli ospedali psichiatrici... Quanto di vero c’è in ciò che Jason racconta e quanto di falso?

 

Con Portrait of Jason Shirley Clarke sovverte i confini tra cinema vérité, film documentario e opera di finzione, creando una delle opere più acclamate del cinema indipendente. Alla proiezione privata, organizzata prima del debutto al New York Film Festival del 1967, erano presenti i più importanti artisti d’avanguardia americani: Andy Warhol, D.A. Pennebaker, Allen Ginsberg, Arthur Miller, Robert Frank.


Jason è uno dei primi film LGBTQ ad essere stato accolto favorevolmente da un pubblico generalista. Nel 2015 è stato inserito nell’annuale classifica del National Film Registry per la sua “importanza culturale, storica ed estetica”.

 

Portrait of Jason è stato restaurato nel 2000 dal MoMA a partire da una copia 35mm. England’s Second Run ha distribuito il film in DVD nel 2005. Tuttavia, complesse ricerche d'archivio hanno dimostrato che il restauro era incompleto rispetto alla versione originale. Milestone Films si è quindi incaricata della ricerca di altre pellicole 16mm e grazie all'aiuto del Wisconsin Center for Film and Theater Research è stato possibile individuare, tra alcune scene tagliate, delle parti originali del film. Il nuovo restauro in 2k, completato nel 2012, è stato completato con la collaborazione dell’Academy Film Archive e di Modern Videofilm.

 

 


 


 

 

Quando

giovedì 17 maggio ore 21.15

venerdì 18 maggio ore 17.15 

martedì 22 maggio ore 21.15

mercoledì 23 maggio ore 17.15

 

Repliche

sabato 2 giugno ore 16.30

domenica 3 giugno ore 16.00 

 

Ingresso
Intero € 6
Ridotto € 4,50

 

Per informazioni sulla sala cinema e biglietti

 

 


 


Shirley Clarke: portrait of another cinema

In collaborazione con la distribuzione indipendente Reading Bloom, il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci porta a Prato una rassegna di lungometraggi realizzati da Shirley Clarke (1919-1997), regista e artista newyorkese, vera e propria icona del cinema underground ed indipendente non solo americano. Insieme a Maya Deren, Kenneth Anger e Stan Brakhage, ha influenzato in maniera decisiva i nuovi registi e filmmaker che dal 1960 si unirono intorno al New American Cinema Group di Jonas Mekas, tappa fondamentale del cammino di affrancamento da Hollywood da parte del cinema indipendente statunitense, che portò di lì a qualche anno alla nuova generazione di registi della New Hollywood, diventati oggi maestri universalmente riconosciuti.

 

La rassegna (The Connection - 1961; Portrait of Jason - 1967; Ornette: Made in America -1985)  si aprirà con un evento speciale, una lezione di Ross Lipman sul restauro cinematografico e suuno dei suoi ultimi lavori, Shadows (1959) di John Cassavetes (giovedì 10 maggio, ore 18.00). A chiudere la rassegna un appuntamento altrettanto importante con la proiezione di Film (1964), unica esperienza cinematografica dello scrittore e commediografo irlandese Samuel Beckett, realizzato in collaborazione con Alain Schneider, con protagonista il grande attore e regista dell’età del Muto Buster Keaton, restaurato sempre da Lipman., di cui vedremo anche Notfilm (2015), documentario sull’opera di restauro del film in questione.

 

La proiezione di The Connection (1961) di Shirley Clarke, di giovedì 10 maggio, sarà preceduta da un’introduzione dello stesso Ross Lipman, mentre Ornette: Made in America  (1985), sarà presentato dal musicologo Stefano Zenni.

 


 

giovedì 10 maggio ore 18.00

Evento Speciale d’Apertura: Lezione di Ross Lipman
Persistence of Revision. Lezione introduttiva sul restauro cinematografico
Passing Shadows: Cassavetes and Mingus. Lezione sul restauro e la produzione di
Shadows di John Cassavetes


La rassegna: Shirley Clarke: Portrait of Another Cinema​

The Connection​ - Shirley Clarke - 1961 - 103'

giovedì 10 maggio ore 21.15 (introduce Ross Lipman);

venerdì 11 maggio ore 17.15;

martedì 15 maggio ore 21.15;

mercoledì 16 maggio ore 17.15

 

Portrait of Jason​ - Shirley Clarke - 1967 - 105'
giovedì 17 maggio ore 21.15;

venerdì 18 maggio ore 17.15;

martedì 22 maggio ore 21.15;

mercoledì 23 maggio ore 17.15

 

Ornette: Made in America​ - Shirley Clarke - 1985 - 77'
giovedì 24 maggio ore 21.15 (introduce il musicologo Stefano Zenni);

venerdì 25 maggio ore 17.15;

martedì 29 maggio ore 21.15;

mercoledì 30 maggio ore 17.15

Evento chiusura della rassegna Film/Notfilm

Film ​- Alain Schneider, Samuel Beckett - 1964 - 24'
Notfilm ​- Ross Lipman - 2015 - 128

giovedì 31 maggio ore 21.00;

venerdì 1 giugno ore 17.15;

martedì 5 giugno ore 21.00;

mercoledì 6 giugno ore 17.15



Dove
Cinema - Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato 


Quando

giovedì 17 maggio ore 21.15

venerdì 18 maggio ore 17.15 

martedì 22 maggio ore 21.15

mercoledì 23 maggio ore 17.15

 

Repliche

sabato 2 giugno ore 16.30

domenica 3 giugno ore 16.00 

 

Ingresso
Intero € 6
Ridotto € 4,50

 

Per informazioni sulla sala cinema e biglietti



condividi