Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito


DAL WEB /

“Quello che per decenni sembrava foriero di distruzione è ora chiaramente riconosciuto da ogni astrofisico come creativo”. È partendo da questa considerazione che si comprende l’essenza del loop di cui si fa portavoce Kader Attia, per il quale ogni probabile calamità induce a un atto cosmico di creazione. L’universo come un vortice gigantesco che è capace non solo di inghiottire se stesso, ma soprattutto di rigenerarsi all’infinito. Non ci sarà mai una fine reale del mondo, umano o astrofisico che sia, perché tutto finisce per rigenerarsi e trasformarsi.




The loop

The loop

DA E-FLUX JOURNAL | 9 giugno 2016

LEGGI L'ARTICOLO