Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK,明白了!

#CENTROPECCIEXTRA

/ PECCI EXTRA



2020年04月15—22日

分享



详情
信息

Continua la serie di bandiere d’artista che sventolano fuori del Centro Pecci durante la sua chiusura. Dopo Shine di Marinella Senatore, In Dark Times We Must Dream With Open Eyes di Nico Vascellari,  − · −  (Kilo) di Marzia Migliora, Approssimazione di Eva Marisaldi, questa settimana è la volta di Zuppa Inglese Bandiera (Zuppa Inglese Flag), di Flavio Favelli.  Vessillo di uno stato inesistente, che prende i suoi colori da un dolce della tradizione bolognese, rimanda alla memoria del passato per esorcizzare il presente.

 

«Ricordo che c’era una questione inglese in casa dai nonni materni e questo si capiva subito perchè l’unico piatto non bolognese che cucinava mia nonna era la carne all’inglese, il Roast-beef, il rosbif , come lo chiamava lei. Il riso al burro, o all’inglese, invece, non si faceva mai o se si faceva era perché qualcuno era malato e quindi non poteva rientrare nei piatti rispettabili, perché la faccenda del cibo era seria, in pratica si viveva per mangiare. E poi c’era la Zuppa inglese, dolce bolognese come il Fior di latte, e la Torta di riso, con tre strati: biscotti savoiardi bagnati nell’Alchermes, cioccolato e crema e come ogni famiglia tradizionale, mia nonna aveva la sua ricetta personale, tramandata in un quaderno. Nonostante il carattere ricco e grasso della cucina bolognese, quella di Tosca aveva qualcosa di netto, quasi minimale in un ambiente abbondante, ripieno e farcito; la Zuppa inglese di casa Landi Franchini era densa, compatta e decisa.» 

(nota di Flavio Favelli).

 

Il lavoro di Flavio Favelli, fortemente radicato nel territorio da cui proviene e nella sua storia personale,  propone la ricostruzione dell’immaginario della sua infanzia borghese nell’Italia degli anni Settanta, spesso resa attraverso la creazione di ambienti che rievocano il passato riassemblando armadi, tappeti, specchi, e oggetti d’antan di varia natura.

 

Nella foto: Flavio Favelli, Zuppa Inglese Bandiera (Zuppa Inglese Flag), 2020

bandiera in tessuto, 210 x 300 cm

Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, courtesy dell’artista


Pecci Extra


地点
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, 59100 Prato PO, Italia


相关文章
/ PECCI EXTRA
2020年04月22—29日

Marcello Maloberti

/ PECCI EXTRA
2020年05月06—13日
Massimo Bartolini, Manca anima
/ PECCI EXTRA
2020年04月08—15日

Approssimazione di Eva Marisaldi 

/ PECCI EXTRA
2020年04月01—08日

Marzia Migliora, − · −  (Kilo), 2020

/ PECCI EXTRA
2020年03月18—25日
bandiera

Shine di Marinella Senatore

WebTv / PECCI EXTRA
2020年03月15日 11:00



分享