This website uses cookies to improve user experience and extract anonymous data about page views. For more information please refer to our cookie policy
OK

Marcel! di Jasmine Trinca

Prime visioni

FILM / PRIME VISIONI



June 09—15, 2022

Con Alba Rohrwacher, Maayane Conti, Giovanna Ralli, Umberto Orsini

(Italia, 2022) 93' 

share



informations

Acquista il tuo biglietto online. Clicca qui!


SPETTACOLI
giovedì 9 giugno, ore 21.15 
sabato 11 giugno, ore 21.15 
domenica 12 giugno, ore 11.00; ore 18.30 
mercoledì 15 giugno, ore 19.15 

 

Una madre e una figlia e un cane. La madre è un'artista di strada che mette in scena con successo il suo stretto  rapporto con l'animale fatto di timore di perdita unito a grande sensibilità reciproca. La figlia osserva sentendosi non altrettanto considerata. Vive con i nonni anziani e, suonando il sax, cerca di ottenere la tanto agognata approvazione materna.

 


 

Chi è Marcel? È l’unico personaggio ad avere un nome e si tratta di un cane. Per il resto, gli altri si identificano solo con il ruolo che gli è stato assegnato. La Figlia, la Madre, la Nonna e così via… In questo modo, sembrano condannati a rimanere bloccati nella posizione, come maschere e funzioni di una rappresentazione da ripetere all’infinito. E che assomiglia un po’ allo spettacolo “Toujours Marcel”, che la Madre, artista di strada, replica ogni volta come un rito. Proprio in onore del cagnolino, suo partner di scena. Del resto, è a lui che dedica tutte le cure possibili, il suo affetto materno. Lasciando nella frustrazione la Figlia adolescente, alla ricerca di un po’ di attenzione e di un segno di complicità nei giorni sempre uguali e nelle notti insonni.
Ripetizione e mancanza. Il film d’esordio di Jasmine Trinca si muove in una dimensione sospesa, vuota come i pomeriggi d’estate tra le strade di Testaccio e di Ostiense. Un’eclisse in cui non sembra esserci la possibilità dell’azione e dell’evento, di una svolta che inneschi la progressione della storia, una qualsiasi. È una specie di tempo essiccato, in cui le persone e le cose si prosciugano fino ad apparire come figure sottili, bidimensionali, che si muovono a scatti in uno spazio astratto, nella bolla dei gesti mimati. Senza margine di cambiamento e di libertà.
Eppure il racconto è punteggiato in capitoli, secondo gli esagrammi dell’I Ching, che invece delineano un percorso di trasformazione e di evoluzione. Quindi qualcosa deve accadere, qualcosa che rimetta in moto le cose e riapra lo spazio interiore, la terza e la quarta dimensione. Uno strappo, una crisi che spalanchi una voragine ancor più grande, ormai impossibile da sostenere senza un rimedio. Pena il crollo totale. Ed ecco che da un drammatico gesto di ribellione, il film può ritrovare una sua traiettoria lineare, alla ricerca di un tempo finalmente vivo.
È così che Jasmine Trinca prova a raccontare la difficoltà dei rapporti, il peso dei ricordi, il bisogno d’amore e l’incomprensione che cresce nelle crepe della solitudine. Ma anche la grazia della riconciliazione e l’amore incondizionato per l’arte. “All’arte si deve la vita”: rivendicazione della sincerità dello slancio passionale e del sacrificio della coerenza. E, da attrice, è brava a trovare la complicità delle sue protagoniste, Alba Rorhwacher e la giovane Maayane Conti, ma anche delle sue interpreti di contorno, di Giovanna Ralli, di Valentina Cervi, e poi di Valeria Golino e Paola Cortellesi, che regalano le loro apparizioni. Sono loro i personaggi femminili a costruire la galleria di figure centrale. Mentre i personaggi maschili sono relegati ai margini, consegnati al silenzio (come il nonno interpretato da Umberto Orsini) o al ricordo (il padre pittore).
Ma pur sempre di figure si tratta e il film si costringe alla monocronomia e all’appiattimento. Rimane un po’ incerto, in equilibrio tra l’esilità del loro disegno e la rigidità di una scrittura troppo definita e programmatica. E tutto si riflette in un ritmo macchinoso, in uno strano senso di stanchezza, che trova linfa e anima solo a poco a poco. Sino a una scena sul mare che, chissà perché, fa venire in mente Ferreri. (Aldo Spiniello, sentieriselvaggi.it)


Prime visioni


Where
Cinema - Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, 59100 Prato PO, Italia


Acquista il tuo biglietto online. Clicca qui!


SPETTACOLI
giovedì 9 giugno, ore 21.15 
sabato 11 giugno, ore 21.15 
domenica 12 giugno, ore 11.00; ore 18.30 
mercoledì 15 giugno, ore 19.15 



share