Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK,明白了!

Lara-Vinca Masini. Scritti scelti 1961-2019. Arte Architettura Design Arti Applicate"

Con curatrici del volume Alessandra Acocella e Angelika Stepken

TALK / PECCI ART BOOKS



2020年10月15日 18:30—19:30

Diretta youtube

Diretta Facebook

分享



详情
信息

Le curatrici del volume Alessandra Acocella e Angelika Stepken, in collegamento con Giuliano Gori e Lara-Vinca Masini, presentano: 

 

Lara-Vinca Masini. Scritti scelti 1961-2019. Arte Architettura Design Arti Applicate" (Gli Ori, 2020)

introduce la direttrice Cristiana Perrella, modera Stefano Pezzato

 

La partecipazione all’incontro è libera e avverrà nel totale rispetto delle norme di sicurezza governative

 

Il volume realizzato grazie al contributo di Giuliano Gori, del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, con il sostegno del Museo Novecento di Firenze e di Ronaldo Fiesoli, è stato curato da Alessandra Acocella e Angelika Stepken e raccoglie per la prima volta un’ampia selezione di testi scritti da Lara-Vinca Masini lungo l’arco di sei decenni, dal 1961 al 2019: articoli su quotidiani e riviste specializzate, contributi in volumi, relazioni per conferenze e presentazioni in cataloghi di mostre spesso di difficile reperibilità, insieme a qualche scritto rimasto ancora inedito; tutti estrapolati dal cospicuo archivio di materiali raccolti dalla storica dell'arte e critica militante fiorentina, che li ha destinati per lascito futuro al Centro Pecci.

 

Come affermato dalla stessa Lara-Vinca Masini: “Occorre […] recuperare il tempo e la storia non come campi di spigolature, ma nelle loro potenzialità di svolgimento lineare, non accelerato quale quello che, invece, viviamo. Si tratta di riconquistare un altro concetto di memoria, di quella che vorrei definire 'la memoria del futuro', una memoria non ripiegata su sé stessa, ma usata come stimolo per il recupero di una creatività nutrita di una linfa nuova che ritrovi, anche nel passato, una sorta di preveggenza di un futuro non scontato”.

 

Dagli iniziali interessi per l’arte cinetica e programmata degli anni Sessanta, passando per le sperimentazioni dell’avanguardia radicale, sino ai più recenti lavori, la sua attenzione e analisi critica si è rivolta a quelle posizioni artistiche, architettoniche e artigianali caratterizzate da uno spirito di espansione estetica e sociale, di collaborazione e slancio propulsivo verso un rinnovato dialogo tra le arti

In questa ottica, gli scritti scelti intendono offrire uno spaccato della sua originale e complessa attività nella critica e nella storia dell’arte contemporanea e della nuova cultura progettuale, con un orizzonte d’indagine che spazia dalla scala del dipinto, della scultura e dell’oggetto a quella dello spazio architettonico e urbano nelle loro interrelazioni sociali.

 

Lara-Vinca Masini, storica dell’arte e critica militante, è autrice di saggi, presentazioni, monografie e curatrice di mostre dedicate alle arti visive contemporanee, all’architettura, al design e alle arti applicate.

Lavorando da sempre in stretto contatto con artisti, architetti e designer, ha curato pubblicazioni e progetti espositivi complessi e sperimentali. Nel 1964 fonda il Centro Proposte, laboratorio di mostre itineranti ed edizioni d’arte aperte al dialogo tra diversi linguaggi creativi. Dieci anni dopo, insieme a Vittorio Fagone, coordina la Prima Biennale del Museo Progressivo d’Arte Contemporanea di Livorno. Nel 1978 è invitata a curare parte del contributo italiano per la XXXVIII Biennale di Venezia, riunendo sotto il binomio di Topologia e Morfogenesi esperienze di arti visive e di architettura radicale. Nel 1980 realizza a Firenze la grande manifestazione Umanesimo Disumanesimo nell’arte europea 1890/1980 chiamando artisti internazionali a realizzare interventi site-specific nello spazio urbano della città rinascimentale. 
 

In copertina foto di Massimo Becattini


Pecci Art Books


地点
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, 59100 Prato PO, Italia


Ingresso libero nel totale rispetto delle norme di sicurezza governative



分享