OK



Józef Robakowski "Più vicino – più lontano"

Promo

WEB TV /



share


Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci presenta la prima retrospettiva in Italia di uno dei massimi rappresentanti dell'arte e del cinema sperimentale polacco, Józef Robakowski, dal titolo Più vicino – più lontano, a cura di Bożena Czubak.

 

Józef Robakowski (Poznań, 1939) è artista e autore di film, video, installazioni, performance e fotografie, ma anche animatore culturale e teorico d’arte. Ha coordinato alcuni dei movimenti artistici fondamentali della seconda metà del Novecento, dal Collettivo Zero-61 (1961-1969) che si è ispirato alla tradizione del montaggio metaforico utilizzato dal cinema d’avanguardia, al Laboratorio per la Forma Cinematografica (Warsztaty Formy Filmowej, 1970-1977).

Animatore del movimento artistico progressista polacco, la sua ricerca l’ha portato a interrogarsi sul linguaggio, la meccanica e il materiale filmico, unendo a questi elementi un interesse verso la tradizione concettuale d’avanguardia filtrata attraverso la lente dell’autenticità e dell’identità personale.

 

Più vicino, più lontano (Bliżej, Dalej, 1985), che dà anche nome alla mostra, è una reminiscenza autoironica della ricerca analitica degli anni Settanta, dedicata al Laboratorio per la Forma Cinematografica, esperienza - all’epoca - ormai defunta. È una specie di gioco che l’artista fa con la propria immagine riflessa attraverso la manipolazione dello zoom, citando, in maniera non troppo velata, l’iconico lavoro di Dziga Vertov L'uomo con la macchina da presa; ma diviene anche metafora della lontananza della cultura artistica oltrecortina che questa mostra vuole cercare di avvicinare.

 




see also
EXHIBITIONS
October 11—18, 2017
Józef Robakowski - Preview

BASE - Milano

EXHIBITIONS
October 14, 2017—January 28, 2018
Józef Robakowski

Nearer – Farther