This website uses cookies to improve user experience and extract anonymous data about page views. For more information please refer to our cookie policy
OK

IN RESIDENCE Design Workshop #15 “CHROMATIC ALPHABETS”

a cura di Barbara Brondi & Marco Rainò

LABORATORIES



September 13—16, 2021

share



informations

IN RESIDENCE Design Workshop #15 | “CHROMATIC ALPHABETS”

A cura di Barbara Brondi & Marco Rainò

Con i designer Audrey Large e Jorge Penadés

 

Nato con lo scopo di presentare, raccogliere, documentare e sostenere la ricerca nelle arti visive, cinema, musica, arti performative, architettura, design, moda e letteratura, mettendo in contatto il pubblico con i grandi temi della contemporaneità, il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci presenta dal 13 al 16 settembre il laboratorio CHROMATIC ALPHABETS prodotto da IN Residence, progetto ideato e curato da Barbara Brondi & Marco Rainò che dal 2008 si occupa di cultura del design intesa come processo utile a organizzare risorse creative, generare innovazione, esprimere soluzioni e trasmettere emozioni.

 

IN Residence Design Workshop #15 CHROMATIC ALPHABETS è strutturato come una ricerca teorica e didattico-formativa, che vede protagonisti nel ruolo di Designer-Tutor due giovani e talentuosi designer: Audrey Large (Francia, 1994. Vive e lavora a Eindhoven) e Jorge Penadés (Málaga, 1985. Vive e lavora a Madrid)

 

Il tema di ricerca CHROMATIC ALPHABETS indaga l’esperienza quotidiana, pervasiva e ininterrotta del colore: ogni presenza – materiale e immateriale – comunica attraverso il proprio registro cromatico, esprimendosi con un linguaggio recepibile secondo modalità tanto oggettive quanto soggettive.

Il colore di per sé è un “evento” complesso, astratto e misterioso, che si presta ad essere esplorato criticamente con l’obiettivo di sperimentare nuove ipotesi di espressione e inedite frontiere di applicazione. Secondo Wittgenstein non esiste un criterio di classificazione per il colore, se non attraverso lo strumento del linguaggio; se si condivide questo punto di vista, il discorso sul colore diventa un interessante esercizio per rivelare le vocazioni simboliche della tinta e per liberare tutte le energie potenziali del cromatismo

 

Durante i quattro giorni di workshop - i Designer-Tutor, i curatori e i partecipanti sono chiamati a confrontarsi e interagire con lo scopo ultimo di sviluppare considerazioni teorico-progettuali in grado di rispondere alle domande poste dal tema di ricerca. A conclusione del programma, un evento pubblico restituirà i risultati dell’esperienza, arricchito dalle Lecture dei curatori e dei Designer-Tutor.  

 

Il workshop – pensato per professionisti del design, studenti di qualsiasi livello, appassionati delle discipline di progetto e di pratiche di Crossover tra design e altre aree di interesse sociale, scientifico e filosofico – prevede un massimo di 24 partecipanti, che devono avere più di 18 anni e una buona padronanza della lingua inglese. 

 

La partecipazione a CHROMATIC ALPHABETS ha un costo di € 500; per gli studenti prezzo speciale di € 300

BCC - Banco Fiorentino e Beste offrono un totale 8 borse di studio per coprire le spese di partecipazione al Workshop. Per concorrere alla selezione, i candidati devono inviare il proprio CV e PORTFOLIO più una breve LETTERA MOTIVAZIONALE entro e non oltre il 2 agosto 2021 esclusivamente via e-mail, all’indirizzo info@inresidence-design.com. I candidati selezionati come vincitori delle borse di studio saranno contattati tramite e-mail entro e non oltre il 4 agosto 2021. 

 

La partecipazione al workshop sarà certificata da IN Residence con un attestato di partecipazione rilasciato al termine dell’evento. Il documento riporta le ore complessive e le attività svolte: nel caso di studenti universitari, l’attestato può essere utilizzato per formulare l’eventuale richiesta diretta di CFU alla propria Università di riferimento. 

 

Si ringrazia Pantone per il contributo tecnico. 

 

Per informazioni e dettagli a questo link.  


 

 

IN Residence è un progetto che riguarda la cultura del design, intesa come processo che organizza risorse creative utili a generare idee di innovazione, ad esprimere soluzioni e trasmettere emozioni, contribuendo al dibattito contemporaneo sul design, utilizzando il dialogo come mezzo di analisi, offrendo un'esperienza alternativa di apprendimento, studio e ricerca, con l’ambizione di connettere ambiti disciplinari ritenuti distanti. Il progetto si articola in una serie di attività strettamente che includono una serie di Workshop tematici organizzati nel corso di eventi internazionali dedicati al dibattito culturale e alla ricerca creativa; questi laboratori, definiti dall’interazione di giovani e talentuosi designer con un certo numero di partecipanti, esplorano gli orientamenti più attuali della pratica del design e delle attività di dialogo e narrazione a questa associate. Il progetto è inoltre definito, da una collana di pubblicazioni editoriali, una serie di attività espositive e di incontri di dibattito pubblico, oltre al nuovo programma di residenze per designer, il cui fine è originare riflessioni creative utili alla produzione di lavori inediti. 

Il format di IN Residence – anche definibile come una piattaforma di ricerca dedicata alla produzione di conoscenza e al Talent Scouting nell’ambito della disciplina design – nasce in occasione dell’evento internazionale Torino World Design Capital 2008, coinvolgendo in tredici anni di intensa e continuativa attività quasi 100 designer e più di 600 partecipanti. 

Nel tempo IN Residence ha originato un network internazionale di professionisti interessati al design contemporaneo, orientato a stimolare inedite dinamiche di relazione e confronto tra gli individui coinvolti. Tra i designer che hanno preso parte alle attività ideate e promosse da IN Residence, si conta un gruppo di straordinari talenti, protagonisti assoluti di una nuova stagione creativa, tra cui Formafantasma, Sabine Marcelis, mischer’traxler, Philippe Malouin, Tomás Alonso, Peter Marigold, Raw-Edges, Bethan Laura Wood, Studio Swine, Glithero e Guillermo Santomà. 
 

Dal 2008 – anno della sua istituzione – IN Residence è un progetto riconosciuto nel panorama dei programmi di ricerca dedicati al design per lo sviluppo di un modello di studio aperto e in continua evoluzione, che consente di elaborare nuove riflessioni nel campo dell'educazione e della formazione dei designer di domani. IN Residence è un progetto ideato e curato da Barbara Brondi & Marco Rainò, promosso dall'Associazione Culturale no profit IN Residence Design, sviluppato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito della Missione Sviluppare Competenze e con il contributo di DUPARC Contemporary Suites
 




Where
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, 59100 Prato PO, Italia




share