Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente e per ricavare informazioni statistiche anonime delle visite alle pagine. Per maggiori informazioni consulta la nostra cookie policy
OK, ho capito

Le mie poesie non salveranno il mondo

di Annalena Benini e Francesco Piccolo

FILM / PRIME VISIONI



4 ottobre 2023 h 17:15—17:15

Prime visioni

Documentario con Patrizia Cavalli

Italia, 2023

77'

condividi



informazioni

Acquista il tuo biglietto online. Clicca qui!

 

Spettacoli

mercoledì 4 ottobre, ore 17.15

 

Un ritratto intimo, ironico e libero di Patrizia Cavalli. la poeta amata da Elsa Morante che incarna la modernità anche pop della poesia italiana contemporanea, l'amore per le parole e per la performance.

 

I cappotti con le tasche troppo basse hanno rovinato per anni la camminata di Patrizia Cavalli: non portando borse, ficcava tutto lì – e siccome le mani non sai mai dove metterle, per infilarle in quelle tasche la schiena era curva e l’andatura non trionfale come dovrebbe. Patrizia Cavalli commenta le poesie di Patrizia Cavalli che raccontano Patrizia Cavalli in un labirinto che solo a lei riesce (e a Vivian Lamarque, diamo alle poetesse quel che è loro). Lei dice “poeta”, quando racconta dell’incontro con Elsa Morante e dell’apprezzamento della scrittrice per la ragazza arrivata a Roma da Todi, di amicizia in amicizia: “Io leggevo solo Tex Willer, poi ho scoperto ‘Amleto’”, racconta Patrizia Cavalli nel film di Annalena Benini e Francesco Piccolo che coglie – nell’intervista e nelle immagini di repertorio – tutta la bravura, l’intelligenza e la giocosità dei poeti veri, all’opposto dei dilettanti lasciati dalla morosa. Dice che la poesia “sorge”, e intanto la mano si muove come un serpente intorno al corpo. Canticchia, parla dei suoi amori sempre impossibili, e del meraviglioso momento, tra due persone, “quando una cosa è e non la fai avvenire”. Ha orrore del danaro sudato, preferiva (è morta l’anno scorso a giugno) i soldi vinti giocando a poker – si intuisce: perdendone molti di più. Nel ’68 si vergognava a scrivere poesie, dice. Le sfugge un “sempre superba” (ma tagliò i capelli a un’amica per gelosia). Stupendo il duetto con Mika, sul cuore e i suoi battiti. (ilfoglio.it)


Prime visioni


Dove
Cinema - Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato 


Spettacoli

4 ottobre, ore 17.15

 

Acquista il tuo biglietto online. Clicca qui!

Prime visioni | in programma
Film
7—13 dicembre 2023
La chimera

di Alice Rohrwacher



condividi