Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito


Avviso per la manifestazione d’interesse alla partecipazione alla selezione del Direttore della Fondazione per le Arti contemporanee in Toscana per il Centro per l’Arte Contemporanea “Luigi Pecci” 

15 ottobre 2017



Avviso per la manifestazione d’interesse alla partecipazione alla selezione del Direttore della Fondazione per le Arti contemporanee in Toscana per il Centro per l’Arte Contemporanea “Luigi Pecci” 

www.centropecci.it

 

 

La Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana (d’ora in poi, FACT o Fondazione), fondazione di partecipazione di diritto privato con sede in Prato, costituita dai Soci fondatori Comune di Prato e Associazione Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci  e sostenuta – tra gli altri – dalla Regione Toscana (che in applicazione del Piano Regionale di Sviluppo 2015/2020 diventerà socia sostenitrice della Fondazione) ha per scopo:

- la gestione del Centro per l’Arte contemporanea Luigi Pecci;

- la valorizzazione della collezione permanente attraverso lo studio, la catalogazione, il restauro, la conservazione e l’esposizione;

- l’incremento del patrimonio attraverso l’acquisizione di opere, collezioni, pubblicazioni e documentazione d'ogni tipo e quant'altro inerente con la propria attività;

- la programmazione e la realizzazione di eventi espositivi di carattere nazionale e internazionale;

- l’attivazione di mostre, indagini, approfondimenti di carattere scientifico dal Novecento artistico fino alla contemporaneità;

- l'organizzazione di eventi e attività culturali multidisciplinari nell’ambito della contemporaneità;

- la collaborazione con i soggetti pubblici e privati che operano nel territorio regionale nell’ambito delle stesse finalità anche attraverso azioni di coordinamento e di promozione della produzione artistica contemporanea in Toscana;

- l'organizzazione di studi, ricerche, iniziative scientifiche, attività formative, didattiche e divulgative, espositive e progettuali anche in collaborazione con il sistema scolastico ed universitario, con istituzioni culturali, universitarie e di ricerca, con soggetti pubblici e privati italiani e stranieri;

- la costituzione e l’incremento e la conservazione di materiale informativo e documentale su tutte le espressioni artistiche contemporanee e principalmente nell’ambito delle attività del Centro di Informazione e Documentazione per le Arti Visive con sede al Centro Pecci;

- l’organizzazione di iniziative tese a promuovere e facilitare la fruizione delle attività culturali da parte del pubblico e in particolare dei giovani;

- la collaborazione con gli altri musei e gli altri istituti culturali della regione nell’ambito della rete regionale per le arti contemporanee;

- la realizzazione di tutte le attività, i servizi e le iniziative che possono contribuire al conseguimento degli scopi di cui ai precedenti punti; 

FACT promuove il presente avviso al fine di selezionare il proprio Direttore per il triennio 2018/2020 salvo modifiche si rendessero necessarie nell’interesse esclusivo di FACT.

 

1. Oggetto dell’incarico

Il Direttore della Fondazione assolve la propria funzione nel rispetto delle direttive degli organi della Fondazione e in particolare delle delibere del Presidente e del Consiglio d’Amministrazione della Fondazione.

Al Direttore, visto l’articolo 12 dello Statuto, compete:

Il Direttore coordina e dirige le attività della Fondazione, programma e gestisce in modo coordinato gli strumenti e le risorse umane e finanziarie a lui assegnate per il conseguimento degli obiettivi definiti dal consiglio di Amministrazione.

12.3. Il Direttore della Fondazione, nell’ambito degli indirizzi fissati dal Consiglio di Amministrazione, svolge in particolare le seguenti funzioni:

a) predispone i programmi di attività della Fondazione;

b) cura la programmazione culturale espositiva e la promozione annuale del Museo;

c) predispone la bozza di bilancio preventivo e di bilancio consuntivo da presentare al consiglio di amministrazione per l’approvazione;

d) convoca la Commissione Scientifica e stabilisce l’ordine del giorno delle riunioni;

e) partecipa di norma, senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio di amministrazione e del Collegio dei Fondatori;

f) coopera nell’amministrazione del patrimonio della fondazione, secondo le indicazioni generali impartite dall’organo di amministrazione;

g) dirige gli uffici, adotta gli atti di gestione del personale e definisce gli orari di servizio;

h) informa periodicamente e comunque quadrimestralmente il Consiglio di amministrazione sull’attività svolta e sui risultati raggiunti;

i) compie tutti gli atti e le attività comprese nella gestione corrente.

 

2. Durata

L’incarico avrà la durata di tre anni e potrà essere rinnovato previa valutazione dell’operato svolto.

 

3. Trattamento economico e contrattuale

L’emolumento annuo, definito in base alle competenze e all’esperienza del candidato, potrà avere un importo massimo di € 80.000 lordi cui potrà eventualmente essere aggiunta un’ulteriore somma legata al raggiungimento di  obiettivi prefissati dal Consiglio d’Amministrazione.  

 L’incarico in oggetto non costituisce rapporto di lavoro subordinato bensì incarico professionale.

 

4. Requisiti per ammissione

La Fondazione ricerca per il ruolo di Direttore una figura caratterizzata da alta formazione ed esperienza in ambito museale, in grado di sviluppare la missione statutaria della Fondazione per le Arti contemporanee in Toscana, in via esclusiva relativamente al ruolo dirigenziale.

Il candidato, al momento della presentazione della domanda, dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti:

- vaste conoscenze sull’arte italiana ed internazionale, in particolare su quella moderna e contemporanea;

- diploma di laurea magistrale italiano o equipollente conseguito all’estero; saranno valutati in via preferenziale titoli post lauream;

- esperienza professionale in ambito museale, curatoriale quinquennale o di direzione, ovvero nell’ambito di istituzioni culturali che abbiano scopo comparabile a quello della Fondazione;

- documentata esperienza, attestata da paper, pubblicazioni, ricerche, convegni sia in ambito nazionale che internazionale con particolare riferimento alle espressioni artistiche contemporanee; 

- esperienza nell’organizzazione di istituzioni culturali inclusi gli aspetti gestionali e di budget con riferimento alle risorse finanziarie e ai documenti di programmazione economica ovvero ai bilanci;

- avere maturato esperienze nell’organizzazione e nella gestione delle risorse umane.

Saranno considerati positivamente:

- esperienze in ambiti artistici contemporanei multidisciplinari;

-  competenze specifiche in marketing e comunicazione culturale;

- esperienze nel crowd e fund-raising  e nella promozione di forme di sponsorship;

- esperienze in campo internazionale;

- attitudine al networking e predisposizione a sinergie e a collaborazioni con istituzioni nazionali ed internazionali.

 

Il candidato autocertifica il pieno possesso dei diritti civili e politici e il non aver subito misure che interdicano l’accesso all’impiego presso la Pubblica Amministrazione.

 

 

5. Modalità e termini per la presentazione della domanda

La domanda deve essere obbligatoriamente redatta, a pena di esclusione, in carta semplice, in lingua italiana, sottoscritta con firma autografa, conformemente allo schema esemplificativo di cui all’Allegato A e può essere inviata dalla data del 24 luglio 2017.

A corredo della domanda è necessario allegare a pena di esclusione:

1) il curriculum formativo e professionale, datato e sottoscritto con autorizzazione al trattamento dei dati ex Dlg. 196/03, contenente tutte le indicazioni utili a valutare la formazione e le attività professionali.

In particolare dovrà essere specificato in modo chiaro e univoco:

A - per titoli di studio: l’esatta indicazione della denominazione dei titoli di studio posseduti, con data, sede di conseguimento e valutazione riportata; l’esatta indicazione di eventuali corsi di formazione professionale, specializzazioni, dottorati, master, etc. (max n.1 foglio A4);

B - per le esperienze pregresse: l’esatta indicazione degli incarichi ricoperti e delle relative mansioni, degli enti, delle sedi e dei periodi nei quali sono state svolte le attività (max di n.2 fogli A4);

C - la selezione dei 3 progetti e/o attività ritenuti dal candidato più significativi ai fini del presente incarico da potersi documentare in forma libera;

D - il livello di conoscenza della lingua italiana ed inglese e l’eventuale conoscenza di altre lingue;

E - tutti gli elementi utili a valutare le competenze descritte al punto 1.

 

2) un elaborato di massimo 10 cartelle dattiloscritte che illustri un programma gestionale da un punto di vista direzionale–organizzativo e artistico - come da funzione unificata ex statuto della Fondazione – e che illustri gli elementi in grado di evidenziare la piena conoscenza dell’andamento e della gestione di una struttura museale complessa.

L’elaborato dovrà essere redatto in italiano e nell’altra lingua prescelta dal candidato.

Almeno 4 cartelle dovranno essere dedicate allo sviluppo ed all’articolazione della missione del Centro Pecci.

 

3) tre lettere di referenze a firma di altrettanti parigrado, di colleghi – della propria o di altre istituzioni - e/o datori di lavoro precedenti.

 

La domanda e i documenti allegati dovranno pervenire, a pena di inammissibilità, entro il 15 ottobre 2017 all’indirizzo della Fondazione in Viale della Repubblica 277 - Prato (PO) –Italia.

La domanda può essere:

- consegnata direttamente a mano all’attenzione di Elisabetta Dimundo

- spedita a mezzo lettera raccomandata A/R

- inviata via email all’indirizzo: e.dimundo@centropecci.it

- inviata a mezzo PEC all’indirizzo: fondazioneact@pec.it

Nel caso di spedizione via email, la domanda corredata di firma autografa e scannerizzata o digitale deve essere allegata alla email stessa.

La domanda deve contenere l'indicazione completa del mittente, nonché in caso di plico la dicitura "Candidatura per la nomina a Direttore della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana".

La Fondazione non assume responsabilità per ritardi o mancata consegna dei plichi nei termini previsti.

La domanda presentata oltre il termine di scadenza indicata nel bando o inoltrata senza le modalità prescritte dal bando medesimo costituisce motivo di esclusione.

 

 

 

6. Valutazione delle candidature

Le domande pervenute saranno esaminate da una Commissione composta da tre esperti scelti dal Consiglio d’Amministrazione della Fondazione.

La commissione sceglierà in autonomia non più di cinque candidati che provvederà a segnalare al Consiglio d’Amministrazione della Fondazione.

ll Consiglio d’amministrazione potrà chiedere il parere non vincolante del  Collegio dei Fondatori sulla rosa fornita.

Il Cda potrà scegliere, previo colloquio, entro la rosa a suo insindacabile giudizio.

 

 

 

7. Trattamento dei dati sensibili

 

Ai sensi dell’art. 10, comma 1, legge 675/1976, il trattamento dei dati contenuti nelle domande di partecipazione è finalizzato unicamente alla gestione della procedura di selezione e lo stesso avverrà con l’utilizzo di procedure informatiche e di archiviazione cartacea dei relativi atti.

 

Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione.