Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Francesco Perissi | Expressions_trouvée | Roberto Memoli

Ntanglement | Chanson du robot | Immersiva

CONCERTO



4 agosto 2017 h 21:30

concerto di Francesco Perissi, Expressions_trouvée, Roberto Memoli

condividi



informazioni

 

Ntanglement è una composizione per chitarra esafonica ed elettronica che descrive il mondo dell'infinitamente piccolo: il mondo dei quanti.

La composizione ripete il viaggio del ricercatore che esplora la questione.

 

Nella prima parte si trova davanti al caos quantico, poi le singole particelle e finalmente si accorge del loro stato entangled rappresentato dal bi-accordo della chitarra. Alla fine della composizione tutto sembra essere correlato in condizioni armoniche, come ogni singola particella dipende dall'altra.

 


 

Per Chanson du robot i musicisti indossano una maschera bianca a sottolineare il loro percorso verso la depersonalizzazione, in piedi dietro ad un tavolo, dove si trovano, distesi e passivi, i loro strumenti. A fianco, più distante, un totem di altoparlanti con una testa umanoide, che trasmette la voce del robot.

 

Gli strumenti musicali sono privati dei loro caratteri palesi: il flauto viene utilizzato smontato, in maniera percussiva, e la chitarra viene scordata, distesa e pinzata. Essi inseguono una traccia elettronica composta da suoni quotidiani e abituali: rumori di libertà o di costrizione umana che sono sovrapposti e ripetuti ossessivamente, a diventare un tutt’uno irriconoscibile.

 


 

Immersiva è una live performance quadrifonica che vuole portare il punto d’attenzione dello spettatore sul suono e sullo spazio, annullando ogni elemento visivo. Un salto nel buio dove i suoni sembrano muoversi attorno e le pause donano all’ambiente e allo spettatore la possibilità di riappropriarsi di un “tempo libero”, avendo la sensazione di stare sott’acqua.

 

I nostri pensieri, ricordi o solo suggestioni si mostreranno in assenza di immagini, perché la nostra mente ha bisogno spesso di colmare dei vuoti. La dimensione d’ombra o il buio totale aiuta allora questo processo d’immersione.




Dove
Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


Quando

venerdì 4 agosto, ore 21.30

 

Prezzo

Ingresso gratuito

vedi anche
concerto
28 luglio 2017 h 21:30
EMME
concerto
21 luglio 2017 h 21:30
Simone Beneventi

Extended wood percussion solo



condividi