Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Loveless - Nelyubof

Nuove date disponibili

FILM



15 dicembre 2017— 2 gennaio 2018

di Zvyagintsev; (Rus-Fra-Bel-Ger, 2016; 128'; vers.orig.sott.)

condividi



informazioni

Boris e Zhenya stanno divorziando e litigano in continuazione, schiavi delle visite al loro appartamento messo in vendita. Entrambi stanno già pensando al futuro: Boris ha una relazione con una giovane donna che aspetta un bambino da lui e Zhenya sta uscendo con un uomo ricco che sembra pronto a sposarla. Nessuno dei due, però, sembra avere alcun interesse per il futuro di Alyosha, il loro figlio di 12 anni. Fino a quando quest'ultimo scompare...


Premio della Giuria al Festival di Cannes 2017.


"Zvyagintsev negli anni ha imparato a mettere il proprio estetismo al servizio di una visione più controllata, e dirige con grande sapienza: piani-sequenza implacabili, una fotografia espressiva che si ferma a un passo dalla ricercatezza, set di grande forza. Il film tiene alta una tensione angosciante e la visione del mondo che esprime è nerissima, perfino un po' nichilista. A non renderlo gratuito è anche (come nel precedente 'Leviathan') l'esplicito intento di metafora, più morale che politica, dell'assenza di speranze nella Russia di Putin." (Emiliano Morreale, 'La Repubblica', 19 maggio 2017)


"Benvenuti nell'inferno di 'Loveless' (Senza amore), diretto dal grande Andrey Zvyagintsev di 'Il ritorno' e di 'Leviathan', un nipotino di Bergman e di Antonioni che ci prende alla gola dalle prime scene e non ci lascia più. Passando ai raggi X la tragedia di una coppia per alludere alla catastrofe di un impero. La Russia di Putin, che peraltro qui somiglia come un doppio diabolico agli Usa più opulenti e svuotati. Un film dalla drammaturgia implacabile, popolato di attori grandiosi e personaggi meschini, in cui tutto è metafora e insieme spietato referto di un corpo in decomposizione." (Fabio Ferzetti, 'Il Fatto Quotidiano, 19 maggio 2017)

 

Quando

martedì 19 dicembre ore 18.30 e 21.15

mercoledì 20 dicembre ore 18.30 e 21.15

giovedì 21 dicembre ore 18.30

venerdì 22 dicembre ore 18.30

sabato 23  dicembre ore 18.30

lunedì 25 dicembre  ore 16.00

martedì 26 dicembre ore 20.45

mercoledì 27 dicembre ore 18.30

sabato 30 dicembre ore 21.15

lunedì 1° gennaio ore 21.15

martedì 2 gennaio ore 18.30

 

 

Ingresso

Intero € 6

Ridotto € 4,50




Dove
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


 

Quando

martedì 19 dicembre ore 18.30 e 21.15

mercoledì 20 dicembre ore 18.30 e 21.15

giovedì 21 dicembre ore 18.30

venerdì 22 dicembre ore 18.30

sabato 23  dicembre ore 18.30

lunedì 25 dicembre  ore 16.00

martedì 26 dicembre ore 20.45

mercoledì 27 dicembre ore 18.30

sabato 30 dicembre ore 21.15

lunedì 1° gennaio ore 21.15

martedì 2 gennaio ore 18.30

 

Ingresso

Intero € 6

Ridotto € 4,50



condividi