Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente e per ricavare informazioni statistiche anonime delle visite alle pagine. Per maggiori informazioni consulta la nostra cookie policy
OK, ho capito



FMStreaming di Fondazione Musei Senesi

 

 

Il progetto FMStreaming di Fondazione Musei Senesi è nato con l’obiettivo di mettere in dialogo lo sguardo contemporaneo e le collezioni dei musei senesi, inaugurando un vero e proprio palinsesto radiofonico che interseca contenuti d’artista e discussioni critiche sul ruolo che il museo interpreta al giorno d’oggi, rispetto al linguaggio contemporaneo.

L’iniziativa è stata inaugurata il 5 dicembre 2020, in occasione della Giornata del Contemporaneo AMACI, proseguendo attraverso 15 giorni di appuntamenti quotidiani trasmessi sulla web radio, piattaforma sperimentale e partecipativa, Radioarte. I contributi sono stati successivamente resi disponibili sul nuovo canale podcast di FMS a partire dal 13 febbraio 2021. 

La curatela della prima parte del progetto è stata affidata all’Associazione Fuori Campo, che ha selezionato i dieci artisti toscani chiamati a interpretare, in chiave emotiva e creativa, alcune storie custodite all’interno dei musei senesi, riflettendo al contempo sul senso profondo del legame con il museo, percepito non solo come luogo identitario, ma anche di scambio e di incontro e spazio pubblico per la comunità.

Nel tentativo di restituire un affresco composito e a più voci, inoltre, Fondazione Musei Senesi ha arricchito il progetto FMStreaming con una ulteriore sezione che ha coinvolto anche esperti e professionisti dell’arte contemporanea, attivi sullo scenario internazionale, ma con un background senese. A loro il compito di riflettere su come il contemporaneo e i musei del territorio possano instaurare una discussione critica, se e come i due filoni spesso considerati contrapposti o perfino stridenti possano, invece, riunificarsi e dialogare in un rapporto di continuità o di rottura tra il passato e l’oggi.

La sfida digitale imposta dalla pandemia è stata accolta e affrontata proprio a partire dal contemporaneo, immaginando che, in futuro, a rileggere i musei attraverso contributi audio potranno essere anche scrittori, musicisti, designer o magari gli stessi visitatori. L’esperimento radiofonico ha proposto una fruizione alternativa a quella visiva tradizionale, attraverso l’ascolto di voci ispiranti, ma anche voci critiche. In fondo i musei, pur con le loro collezioni statiche, da sempre devono mettersi in gioco rispetto allo sguardo e al linguaggio contemporaneo.

I nomi coinvolti

Gli artisti contemporanei che sono stati coinvolti sono tra i maggiori nomi toscani del panorama nazionale e internazionale: Marco Bagnoli, Massimo Bartolini, Emanuele Becheri, Francesco Carone, Michelangelo Consani, Maurizio Nannucci, Giovanni Ozzola, Remo Salvadori, Namsal Siedlecki ed Eugenia Vanni.

A rappresentare i diversi profili professionali sono intervenuti, invece,  Lorenzo Giusti come direttore di museo (la GAMeC di Bergamo, protagonista di un’esperienza radiofonica nata proprio nello scorso lockdown); Massimiliano Tonelli come giornalista (è il direttore di Artribune); Serena Fineschi come artista, di origini senesi ma che vive e lavora tra Siena e Bruxellles; Flavio Misciattelli, fondatore del Pastificio Cerere di Roma ma qui come collezionista e mecenate; Luca Quattrocchi, docente di arte contemporanea all’Università di Siena.

Infine, come progetto speciale, Fondazione Musei Senesi ha invitato Michela Eremita a ripercorrere l’installazione sonora e la mostra di Luca Pancrazzi “Paesaggio Ciclico Variato” allestita al Museo del Paesaggio di Castelnuovo Berardenga dal 3 ottobre 2020 al 1 gennaio 2021.

 

Il podcast

Il progetto, nato grazie al bando Toscanaincontemporanea 2020,  è giunto alla sua forma finale in occasione della Giornata Mondiale della Radio, indetta dall’UNESCO per celebrare l’anniversario della prima trasmissione radiofonica. Fondazione Musei Senesi è approdata nel mondo dei canali audio digitali lanciando il suo podcast, FMStreaming. Il canale è disponibile sulle piattaforme Spotify, Apple Podcasts, Google Podcasts e Spreaker e si arricchirà, di settimana in settimana, con interviste, playlist tematiche e collaborative, contributi d’artista, approfondimenti e conversazioni che metteranno al centro l’identità, il ruolo e il patrimonio dei musei senesi. 

L’obiettivo è quello, ancora una volta, di avvicinarsi ai nuovi pubblici e soprattutto ai giovani, ma anche creare uno spazio flessibile e di facile consultazione che sia di archivio e di sperimentazione insieme, di riflessione e di intrattenimento. FMStreaming è pensato come un contenitore di storie, che continuerà a raccogliere le voci e le narrazioni attorno ai musei anche dalla gente comune e ad applicare nuove strategie di coinvolgimento che servano come rilettura creativa e critica del patrimonio culturale.








IN PROGRAMMA

Famiglie / CAMPUS ESTIVI
17—28 giugno 2024
Famiglie / CAMPUS ESTIVI
1 luglio—13 settembre 2024